Ultime News

Cina: aumenta l’import in Febbraio 2017 (formaggio +36%, panna +60%)

VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%) Formaggi (+36.4%) SMP (+16.0%) Latte sfuso e conf. (+37.5%) Crema di latte (+59.9%) sono diminuite quelle di: Burro (-15.4%) PREZZI UNITARI: I prezzi unitari delle importazioni della Cina del mese di FEBBRAIO 2017 confrontati con Febbraio 2016 sono aumentati relativamente a: Burro (+31.0%) Polvere di Siero (+24.2%) WMP (+21.5%) SMP (+13.9%) Formaggi (+0.5%) Crema di latte (+1.3%) sono diminuiti quelli di: Latte sfuso e conf. (-0.2%) Latte per l’infanzia (-2.3%) VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%)

Cina: aumenta l’import in Febbraio 2017 (formaggio +36%, panna +60%)

VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%) Formaggi (+36.4%) SMP (+16.0%) Latte sfuso e conf. (+37.5%) Crema di latte (+59.9%) sono diminuite quelle di: Burro (-15.4%) PREZZI UNITARI: I prezzi unitari delle importazioni della Cina del mese di FEBBRAIO 2017 confrontati con Febbraio 2016 sono aumentati relativamente a: Burro (+31.0%) Polvere di Siero (+24.2%) WMP (+21.5%) SMP (+13.9%) Formaggi (+0.5%) Crema di latte (+1.3%) sono diminuiti quelli di: Latte sfuso e conf. (-0.2%) Latte per l’infanzia (-2.3%) VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%)

Diminuiscono i prezzi di SMP e WMP in Oceania [News Oceania n°5/2017]

Periodo: 6 – 17 Marzo 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: in Gennaio è stata inferiore del -5,9% rispetto Gennaio 2016. NUOVA ZELANDA

UE-28: Export formaggi +13% (Gennaio 2017)

VOLUMI: Le esportazioni della UE-28 nel mese di GENNAIO 2017 confrontate con Gennaio 2016 sono aumentate in volume relativamente a:

Sostenibilità etica ed ambientale: imperativo ed opportunità

Il fenomeno dei cambiamenti climatici, ogni giorno sempre più evidente, aumenta la consapevolezza sulla necessità di adottare pratiche produttive sempre

Sostenibilità etica ed ambientale: imperativo ed opportunità

Il fenomeno dei cambiamenti climatici, ogni giorno sempre più evidente, aumenta la consapevolezza sulla necessità di adottare pratiche produttive sempre

Diminuiscono i prezzi di SMP e WMP in Oceania [News Oceania n°5/2017]

Periodo: 6 – 17 Marzo 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: in Gennaio è stata inferiore del -5,9% rispetto Gennaio 2016. NUOVA ZELANDA

UE-28: Export formaggi +13% (Gennaio 2017)

VOLUMI: Le esportazioni della UE-28 nel mese di GENNAIO 2017 confrontate con Gennaio 2016 sono aumentate in volume relativamente a:

Sostenibilità etica ed ambientale: imperativo ed opportunità

Il fenomeno dei cambiamenti climatici, ogni giorno sempre più evidente, aumenta la consapevolezza sulla necessità di adottare pratiche produttive sempre

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 
coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Alimento Simulato

Composizione dell'Alimento SimulatoCLAL.it ha elaborato un nuovo strumento di studio del costo dell’alimentazione bovina. Alimento Simulato: è un modello teorico di alimento composto per il 70% di mais e per il 30% di farina di estrazione di soia (tenore proteico 44% sul tal quale). La soia è driver del prezzo degli alimenti proteici, mentre il mais è driver del prezzo degli alimenti energetici. Alimento Simulato può essere quindi utilizzato per interpretare l’andamento dei costi alimentari riferibili agli alimenti concentrati, con dati costantemente aggiornati. È interessante confrontare il modello

Più Lette
nell'ultimo mese

Produzione di latte in Nuova Zelanda: Fonterra rettifica le previsioni [News Oceania n°4/2017]

Periodo: 20 Febbraio – 3 Marzo 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: Murray Goulburn, una delle principali imprese di trasformazione del latte in Australia, continua a registrare perdite finanziarie riferite al periodo luglio – dicembre 2016, a fronte di una diminuzione del 20% del latte raccolto. NUOVA ZELANDA Produttori latte: Fonterra ha rettificato il forecast del latte raccolto nella corrente annata agraria (che termina il 31 Maggio), passando da -7% a -5% sull’annata agraria precedente. Ha invece confermato la previsione del payout alla stalla pubblicata lo scorso Novembre. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,55% (Lug – Dic 16 vs. Lug – Dic 15) Nuova Zelanda* : -2,61% (Giu 16 – Gen 17 vs. Giu 15 – Gen 16) BURRO (82%): prezzi in aumento, raggiungendo il massimo valore per il 2017. L’aumento era atteso per effetto della limitata disponibilità di materia grassa nella regione. I venditori in Australia preferiscono rifornire i clienti che acquistano maggiori quantità e più a lungo termine, mentre gli acquirenti che non soddisfano questi requisiti faticano ad assicurarsi le forniture. Ciò ha contribuito a diminuire l’export australiano di Burro, mentre la Nuova Zelanda, con una popolazione molto inferiore da soddisfare, ha aumentato le proprie vendite all’estero. CHEDDAR CHEESE: prezzi in leggera diminuzione, ma

La Brexit vista dalla Nuova Zelanda

Una crescita produttiva altalenante, lo stallo negli ultimi venti anni degli accordi multilaterali come il World Trade Organisation (WTO/OMC), la mancanza di leadership autorevoli, cioè in pratica la crisi del modello occidentale, sono fattori che hanno determinato la Brexit lo scorso 23 giugno 2016. L’art. 50 del Trattato di Lisbona che definisce i termini sui due anni di negoziati per l’uscita dalla UE, riguarda aspetti non commerciali (contributo al bilancio, oneri pensionistici, sicurezza e difesa) e commerciali, questi ultimi particolarmente

Produzione di latte in Nuova Zelanda: Fonterra rettifica le previsioni [News Oceania n°4/2017]

Periodo: 20 Febbraio – 3 Marzo 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: Murray Goulburn, una delle principali imprese di trasformazione del latte in Australia, continua a registrare perdite finanziarie riferite al periodo luglio – dicembre 2016, a fronte di una diminuzione del 20% del latte raccolto. NUOVA ZELANDA Produttori latte: Fonterra ha rettificato il forecast del latte raccolto nella corrente annata agraria (che termina il 31 Maggio), passando da -7% a -5% sull’annata agraria precedente. Ha invece confermato la previsione del payout alla stalla pubblicata lo scorso Novembre. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,55% (Lug – Dic 16 vs. Lug – Dic 15) Nuova Zelanda* : -2,61% (Giu 16 – Gen 17 vs. Giu 15 – Gen 16) BURRO (82%): prezzi in aumento, raggiungendo il massimo valore per il 2017. L’aumento era atteso per effetto della limitata disponibilità di materia grassa nella regione. I venditori in Australia preferiscono rifornire i clienti che acquistano maggiori quantità e più a lungo termine, mentre gli acquirenti che non soddisfano questi requisiti faticano ad assicurarsi le forniture. Ciò ha contribuito a diminuire l’export australiano di Burro, mentre la Nuova Zelanda, con una popolazione molto inferiore da soddisfare, ha aumentato le proprie vendite all’estero. CHEDDAR CHEESE: prezzi in leggera diminuzione, ma

La Brexit vista dalla Nuova Zelanda

Una crescita produttiva altalenante, lo stallo negli ultimi venti anni degli accordi multilaterali come il World Trade Organisation (WTO/OMC), la mancanza di leadership autorevoli, cioè in pratica la crisi del modello occidentale, sono fattori che hanno determinato la Brexit lo scorso 23 giugno 2016. L’art. 50 del Trattato di Lisbona che definisce i termini sui due anni di negoziati per l’uscita dalla UE, riguarda aspetti non commerciali (contributo al bilancio, oneri pensionistici, sicurezza e difesa) e commerciali, questi ultimi particolarmente

Produzione di latte in Nuova Zelanda: Fonterra rettifica le previsioni [News Oceania n°4/2017]

Periodo: 20 Febbraio – 3 Marzo 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: Murray Goulburn, una delle principali imprese di trasformazione del latte in Australia, continua a registrare perdite finanziarie riferite al periodo luglio – dicembre 2016, a fronte di una diminuzione del 20% del latte raccolto. NUOVA ZELANDA Produttori latte: Fonterra ha rettificato il forecast del latte raccolto nella corrente annata agraria (che termina il 31 Maggio), passando da -7% a -5% sull’annata agraria precedente. Ha invece confermato la previsione del payout alla stalla pubblicata lo scorso Novembre. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,55% (Lug – Dic 16 vs. Lug – Dic 15) Nuova Zelanda* : -2,61% (Giu 16 – Gen 17 vs. Giu 15 – Gen 16) BURRO (82%): prezzi in aumento, raggiungendo il massimo valore per il 2017. L’aumento era atteso per effetto della limitata disponibilità di materia grassa nella regione. I venditori in Australia preferiscono rifornire i clienti che acquistano maggiori quantità e più a lungo termine, mentre gli acquirenti che non soddisfano questi requisiti faticano ad assicurarsi le forniture. Ciò ha contribuito a diminuire l’export australiano di Burro, mentre la Nuova Zelanda, con una popolazione molto inferiore da soddisfare, ha aumentato le proprie vendite all’estero. CHEDDAR CHEESE: prezzi in leggera diminuzione, ma

La Brexit vista dalla Nuova Zelanda

Una crescita produttiva altalenante, lo stallo negli ultimi venti anni degli accordi multilaterali come il World Trade Organisation (WTO/OMC), la mancanza di leadership autorevoli, cioè in pratica la crisi del modello occidentale, sono fattori che hanno determinato la Brexit lo scorso 23 giugno 2016. L’art. 50 del Trattato di Lisbona che definisce i termini sui due anni di negoziati per l’uscita dalla UE, riguarda aspetti non commerciali (contributo al bilancio, oneri pensionistici, sicurezza e difesa) e commerciali, questi ultimi particolarmente

La certificazione Halal per i crescenti mercati islamici

Si stima che nel 2020 un quinto del valore totale dei consumi alimentari sarà rappresentato dai prodotti Halal (parola araba che significa lecito), per un valore pari a 2,6 trilioni di dollari, in forte aumento rispetto ai 795 miliardi di dollari del 2014. Il mercato rappresentato dai quasi due miliardi di consumatori islamici nel mondo è in notevole crescita e rappresenta un interesse per le imprese alimentari. Non deve dunque sorprendere se il ministro indonesiano per le imprese di stato

La certificazione Halal per i crescenti mercati islamici

Si stima che nel 2020 un quinto del valore totale dei consumi alimentari sarà rappresentato dai prodotti Halal (parola araba che significa lecito), per un valore pari a 2,6 trilioni di dollari, in forte aumento rispetto ai 795 miliardi di dollari del 2014. Il mercato rappresentato dai quasi due miliardi di consumatori islamici nel mondo è in notevole crescita e rappresenta un interesse per le imprese alimentari. Non deve dunque sorprendere se il ministro indonesiano per le imprese di stato