Ultime News

Aumenta l’import cinese di prodotti dairy: bene la Francia e l’Italia (per il formaggio)

Nei primi quattro mesi del 2017 crescono dell’1,04% su base tendenziale le importazioni lattiero casearie cinesi in equivalente latte (ME), a conferma di uno stato di salute del mercato in chiave di volumi e di valore. I migliori risultati per export verso la Cina li mettono a segno l’UE-28 e gli USA mentre frena l’Oceania. Bene per l’UE-28 le esportazioni di WMP, SMP, formaggi e panna. Nel contesto comunitario, la Francia brilla per export di WMP (+682%), SMP (+21%), polvere di siero (+18%), mentre calano le esportazioni formaggi (-27%), dove è l’Italia a trarne maggiore vantaggio (+35%). Capitolo a parte quello del latte alimentare. Aumentano del 29,1% le produzioni cinesi di latte alimentare, mentre le importazioni di latte confezionato diminuiscono del 18,9 per cento. Allo stesso tempo, la crema di

Aumenta l’import cinese di prodotti dairy: bene la Francia e l’Italia (per il formaggio)

Nei primi quattro mesi del 2017 crescono dell’1,04% su base tendenziale le importazioni lattiero casearie cinesi in equivalente latte (ME), a conferma di uno stato di salute del mercato in chiave di volumi e di valore. I migliori risultati per export verso la Cina li mettono a segno l’UE-28 e gli USA mentre frena l’Oceania. Bene per l’UE-28 le esportazioni di WMP, SMP, formaggi e panna. Nel contesto comunitario, la Francia brilla per export di WMP (+682%), SMP (+21%), polvere di siero (+18%), mentre calano le esportazioni formaggi (-27%), dove è l’Italia a trarne maggiore vantaggio (+35%). Capitolo a parte quello del latte alimentare. Aumentano del 29,1% le produzioni cinesi di latte alimentare, mentre le importazioni di latte confezionato diminuiscono del 18,9 per cento. Allo stesso tempo, la crema di

E la Catalogna investe in ricerca ed innovazione!

Innovazione, competitività, sostenibilità, per offrire ai consumatori alimenti sani e di qualità, questi gli scopi di IRTA, l’istituto di ricerca

Clima favorevole alla produzione di latte in Sud America [News Sud America n°6/2017]

Periodo: 17 Aprile – 12 Maggio 2017 Argentina Produzione di latte: aumenta gradualmente. Situazione meteo: un clima favorevole, più caldo e secco, ha

UE-28, il boom di marzo trascina l’export dairy nel primo trimestre 2017

Nel periodo gennaio-marzo 2017 in UE-28 crescono le esportazioni di prodotti lattiero caseari: +2,5% in quantità e +13,4% a valore,

UE-28, il boom di marzo trascina l’export dairy nel primo trimestre 2017

Nel periodo gennaio-marzo 2017 in UE-28 crescono le esportazioni di prodotti lattiero caseari: +2,5% in quantità e +13,4% a valore,

E la Catalogna investe in ricerca ed innovazione!

Innovazione, competitività, sostenibilità, per offrire ai consumatori alimenti sani e di qualità, questi gli scopi di IRTA, l’istituto di ricerca

Clima favorevole alla produzione di latte in Sud America [News Sud America n°6/2017]

Periodo: 17 Aprile – 12 Maggio 2017 Argentina Produzione di latte: aumenta gradualmente. Situazione meteo: un clima favorevole, più caldo e secco, ha

UE-28, il boom di marzo trascina l’export dairy nel primo trimestre 2017

Nel periodo gennaio-marzo 2017 in UE-28 crescono le esportazioni di prodotti lattiero caseari: +2,5% in quantità e +13,4% a valore,

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 
coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Alimento Simulato

Composizione dell'Alimento SimulatoCLAL.it ha elaborato un nuovo strumento di studio del costo dell’alimentazione bovina. Alimento Simulato: è un modello teorico di alimento composto per il 70% di mais e per il 30% di farina di estrazione di soia (tenore proteico 44% sul tal quale). La soia è driver del prezzo degli alimenti proteici, mentre il mais è driver del prezzo degli alimenti energetici. Alimento Simulato può essere quindi utilizzato per interpretare l’andamento dei costi alimentari riferibili agli alimenti concentrati, con dati costantemente aggiornati. È interessante confrontare il modello

Più Lette
nell'ultimo mese

Stime per la nuova stagione [Mais e Soia - n°5/2017]

Il rapporto mensile di Maggio 2017 del  Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense (World Agricultural Supply and Demand Estimates Report – WASDE) presenta le stime per la nuova stagione 2017-18. La produzione globale è stimata in diminuzione sia per il Mais (1033.66 Mio t, -3% rispetto al 2016-17) che per la Soia (344.21 Mio t, -1%). La produzione di Mais è attesa in diminuzione in Cina (215 Mio t, -2.1%) e negli Stati Uniti (357.3 Mio t, -7.1%), che insieme rappresentano il 56% della produzione globale di Mais. Tale aumento è parzialmente bilanciato dai maggiori raccolti in UE e Canada. La produzione di Soia è stimata inferiore rispetto ai livelli record della precedente stagione, negli USA (115.8 Mio t, -1.2% from the previous season), in Brasile (107 Mio t, -4.1%) e Paraguay (9.4 Mio t, -8.7%) dove le rese sono tornate a livelli ordinari. L’outlook per il Mais negli USA prevede, per la stagione 2017-18, minori produzioni, uso domestico, export e stock finali. L’impiego in FSI (alimentazione, semina ed industria) è atteso in aumento del 1.1%, principalmente in seguito all’incremento del Mais usato nella produzione di etanolo (+1.3 Mio t), riflettendo le aspettative di un maggior utilizzo di gasolio. Per la Soia

Italia, export dairy: a gennaio-febbraio +10,7%

Nei primi due mesi del 2017 le esportazioni italiane di prodotti lattiero caseari aumentano, in valore, del 7,9% su base tendenziale e raggiungono i 414 milioni di euro. Parallelamente, crescono anche le importazioni in Italia (+7,8%), che toccano i 534 milioni. Complessivamente, nel primo bimestre del 2017 l’export di prodotti lattiero caseari segna un incremento del 10,7% raggiungendo le 156.590 tonnellate esportate mentre l’import registra una flessione dell’11,9% su base tendenziale. Positivo il quadro per i formaggi freschi, fra cui

Stime per la nuova stagione [Mais e Soia - n°5/2017]

Il rapporto mensile di Maggio 2017 del  Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense (World Agricultural Supply and Demand Estimates Report – WASDE) presenta le stime per la nuova stagione 2017-18. La produzione globale è stimata in diminuzione sia per il Mais (1033.66 Mio t, -3% rispetto al 2016-17) che per la Soia (344.21 Mio t, -1%). La produzione di Mais è attesa in diminuzione in Cina (215 Mio t, -2.1%) e negli Stati Uniti (357.3 Mio t, -7.1%), che insieme rappresentano il 56% della produzione globale di Mais. Tale aumento è parzialmente bilanciato dai maggiori raccolti in UE e Canada. La produzione di Soia è stimata inferiore rispetto ai livelli record della precedente stagione, negli USA (115.8 Mio t, -1.2% from the previous season), in Brasile (107 Mio t, -4.1%) e Paraguay (9.4 Mio t, -8.7%) dove le rese sono tornate a livelli ordinari. L’outlook per il Mais negli USA prevede, per la stagione 2017-18, minori produzioni, uso domestico, export e stock finali. L’impiego in FSI (alimentazione, semina ed industria) è atteso in aumento del 1.1%, principalmente in seguito all’incremento del Mais usato nella produzione di etanolo (+1.3 Mio t), riflettendo le aspettative di un maggior utilizzo di gasolio. Per la Soia

Italia, export dairy: a gennaio-febbraio +10,7%

Nei primi due mesi del 2017 le esportazioni italiane di prodotti lattiero caseari aumentano, in valore, del 7,9% su base tendenziale e raggiungono i 414 milioni di euro. Parallelamente, crescono anche le importazioni in Italia (+7,8%), che toccano i 534 milioni. Complessivamente, nel primo bimestre del 2017 l’export di prodotti lattiero caseari segna un incremento del 10,7% raggiungendo le 156.590 tonnellate esportate mentre l’import registra una flessione dell’11,9% su base tendenziale. Positivo il quadro per i formaggi freschi, fra cui

Stime per la nuova stagione [Mais e Soia - n°5/2017]

Il rapporto mensile di Maggio 2017 del  Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense (World Agricultural Supply and Demand Estimates Report – WASDE) presenta le stime per la nuova stagione 2017-18. La produzione globale è stimata in diminuzione sia per il Mais (1033.66 Mio t, -3% rispetto al 2016-17) che per la Soia (344.21 Mio t, -1%). La produzione di Mais è attesa in diminuzione in Cina (215 Mio t, -2.1%) e negli Stati Uniti (357.3 Mio t, -7.1%), che insieme rappresentano il 56% della produzione globale di Mais. Tale aumento è parzialmente bilanciato dai maggiori raccolti in UE e Canada. La produzione di Soia è stimata inferiore rispetto ai livelli record della precedente stagione, negli USA (115.8 Mio t, -1.2% from the previous season), in Brasile (107 Mio t, -4.1%) e Paraguay (9.4 Mio t, -8.7%) dove le rese sono tornate a livelli ordinari. L’outlook per il Mais negli USA prevede, per la stagione 2017-18, minori produzioni, uso domestico, export e stock finali. L’impiego in FSI (alimentazione, semina ed industria) è atteso in aumento del 1.1%, principalmente in seguito all’incremento del Mais usato nella produzione di etanolo (+1.3 Mio t), riflettendo le aspettative di un maggior utilizzo di gasolio. Per la Soia

Italia, export dairy: a gennaio-febbraio +10,7%

Nei primi due mesi del 2017 le esportazioni italiane di prodotti lattiero caseari aumentano, in valore, del 7,9% su base tendenziale e raggiungono i 414 milioni di euro. Parallelamente, crescono anche le importazioni in Italia (+7,8%), che toccano i 534 milioni. Complessivamente, nel primo bimestre del 2017 l’export di prodotti lattiero caseari segna un incremento del 10,7% raggiungendo le 156.590 tonnellate esportate mentre l’import registra una flessione dell’11,9% su base tendenziale. Positivo il quadro per i formaggi freschi, fra cui

Chobani, una storia di innovazione vincente nello yogurt

Come ha fatto un’azienda di yogurt in appena 12 anni a diventare il maggiore brand negli USA? Senz’altro nell’aver lanciato il “Greek yogurt” un nuovo tipo di prodotto più denso rispetto a quello normale, ma anche nell’aver saputo cogliere con rapidità il mutamento nell’attitudine dei consumatori. Tutto questo surclassando i giganti del settore, forse troppo impegnati a riprodurre linee di prodotti sostanzialmente poco innovativi. Non mancano gli esempi negli USA di grandi imprese che perdono terreno in campo alimentare rispetto

Chobani, una storia di innovazione vincente nello yogurt

Come ha fatto un’azienda di yogurt in appena 12 anni a diventare il maggiore brand negli USA? Senz’altro nell’aver lanciato il “Greek yogurt” un nuovo tipo di prodotto più denso rispetto a quello normale, ma anche nell’aver saputo cogliere con rapidità il mutamento nell’attitudine dei consumatori. Tutto questo surclassando i giganti del settore, forse troppo impegnati a riprodurre linee di prodotti sostanzialmente poco innovativi. Non mancano gli esempi negli USA di grandi imprese che perdono terreno in campo alimentare rispetto