La sfida dei cibi “buoni per la salute”

La crescente richiesta di alimenti salutistici, o ritenuti tali, comporta l’offerta di una serie sempre più ampia di prodotti che vengono percepiti essere più genuini e comunque più attraenti. All’inizio, questa tendenza ha portato ai prodotti alleggeriti (light) in grassi e zuccheri, fino ai recenti free from e di conseguenza a riformulare o modificare quanto era presente da tempo sugli scaffali, mantenendo lo stesso gusto. Un esempio significativo per il settore lattiero-caseario può essere quello dei probiotici.

Innovare in cibi sani abbinando tecnologia e marketing

Nel giro di pochi anni la “nutrition” è diventata dunque un imperativo che ha portato a rivedere le composizioni dei prodotti e gli ingredienti. Tuttavia, il fascino degli alimenti salutistici ha portato anche a veri e propri prodotti innovativi, spesso ottenuti da nuove aziende che hanno saputo sfruttare dall’inizio le nuove nicchie di mercato, abbinando abilmente tecnologia e marketing.

In questa nuova percezione del cibo, il “buono per la salute” è abbinato al “buono per l’ambiente”, cioè alla sostenibilità ed anche le maggiori imprese alimentari si stanno orientando in tal senso. E’ recente la notizia dell’acquisizione da parte di Nestlé della californiana Sweet Earth’s, azienda fondata nel 2011 per realizzare nuovi prodotti a base di proteine vegetali. Anche Unilever si è orientata in questa direzione riformulando i propri prodotti per ridurre i residui di lavorazione e raggiungere entro il 2020 gli standard nutrizionali più ambiziosi.

Però, mentre può essere abbastanza semplice riformulare o modificare i prodotti, il fatto di innovare per renderli più attraenti al consumatore è molto più complesso e rappresenta la vera sfida per le imprese tradizionali.

Innovare significa presentare sugli scaffali qualcosa di diverso, più attraente e dunque desiderabile rispetto a quanto esisteva precedentemente, attraverso un grande apporto scientifico e tecnologico.

Fonte: Just Food

CLAL.it - CONSUMI ITALIA: Prodotti freschi e freschissimi - Variazioni del 2017 rispetto al 2016

CLAL.it -  Prodotti freschi e freschissimi – Variazioni dei consumi italiani nel 2017 rispetto al 2016

TwitterLinkedInFacebook... condividi
Leo Bertozzi
Informazioni su

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Pubblicato in Alimentazione, Ambiente, Consumatore, Innovazione, Sostenibilità

Iscriviti alla Newsletter in Italiano

La Newsletter è gratuita, e ti terrà sempre aggiornato con gli ultimi articoli pubblicati su CLAL News!
privacy policy

  • Frequenza della Newsletter