Ultime News

Coronavirus influenza i prezzi di WMP e SMP [News Oceania n° 4/2020]

Periodo: 3 – 14 Febbraio, 2020 In Australia l’impatto degli incendi sull’offerta di latte rimane da quantificare. I produttori latte hanno già iniziato a ridurre la mandria data la poca disponibilità di mangimi. Le conseguenze degli incendi sono evidenti, sono molte le vacche da latte morte e i raccolti distrutti sia nelle piantagioni sia nei magazzini. Gli effetti avranno probabilmente un impatto negativo nei prossimi mesi. I funzionari del Governo hanno suggerito agli abitanti del Nuovo Galles del Sud di prepararsi a possibili inondazioni dovute alle continue piogge torrenziali. Queste precipitazioni potrebbero aiutare a spegnere gli incendi rimanenti. L’area settentrionale della Nuova Zelanda è stata estremamente arida nell’ultimo periodo, e i funzionari del settore lattiero – caseario si aspettano che la siccità possa avere un impatto negativo sulle consegne di latte

Coronavirus influenza i prezzi di WMP e SMP [News Oceania n° 4/2020]

Periodo: 3 – 14 Febbraio, 2020 In Australia l’impatto degli incendi sull’offerta di latte rimane da quantificare. I produttori latte hanno già iniziato a ridurre la mandria data la poca disponibilità di mangimi. Le conseguenze degli incendi sono evidenti, sono molte le vacche da latte morte e i raccolti distrutti sia nelle piantagioni sia nei magazzini. Gli effetti avranno probabilmente un impatto negativo nei prossimi mesi. I funzionari del Governo hanno suggerito agli abitanti del Nuovo Galles del Sud di prepararsi a possibili inondazioni dovute alle continue piogge torrenziali. Queste precipitazioni potrebbero aiutare a spegnere gli incendi rimanenti. L’area settentrionale della Nuova Zelanda è stata estremamente arida nell’ultimo periodo, e i funzionari del settore lattiero – caseario si aspettano che la siccità possa avere un impatto negativo sulle consegne di latte

Francesca, dall’Università all’Allevamento di Capre [Intervista]

Francesca Borrini San Michele in Bosco, Mantova – ITALIA Quella di Francesca Borrini, giovane allevatrice di San Michele in bosco

Innovare diventa una necessità

È tempo di cambiare. Il fatto di dover nutrire una popolazione mondiale che si avvia verso i 10 miliardi di

Argentina: tariffe sull’export potrebbero incidere sui prezzi di SMP e WMP [News Sud America n°3/2020]

Periodo: 20 – 31 Gennaio, 2020 La produzione di latte è in diminuzione nelle principali aree lattiero-casearie del Sud America.

Argentina: tariffe sull’export potrebbero incidere sui prezzi di SMP e WMP [News Sud America n°3/2020]

Periodo: 20 – 31 Gennaio, 2020 La produzione di latte è in diminuzione nelle principali aree lattiero-casearie del Sud America.

Francesca, dall’Università all’Allevamento di Capre [Intervista]

Francesca Borrini San Michele in Bosco, Mantova – ITALIA Quella di Francesca Borrini, giovane allevatrice di San Michele in bosco

Innovare diventa una necessità

È tempo di cambiare. Il fatto di dover nutrire una popolazione mondiale che si avvia verso i 10 miliardi di

Argentina: tariffe sull’export potrebbero incidere sui prezzi di SMP e WMP [News Sud America n°3/2020]

Periodo: 20 – 31 Gennaio, 2020 La produzione di latte è in diminuzione nelle principali aree lattiero-casearie del Sud America.

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Meno aziende agricole e maggior resa per vacca: ecco i trend negli USA

USA: aziende agricole ed indicatoriSi riducono in numero, ma aumentano in estensione agricola, le aziende agricole statunitensi. Le aziende agricole presenti negli Stati Uniti nell’anno 2018 sono infatti 2.092.000: 12.800 aziende in meno rispetto al 2017 e 70.100 in meno rispetto al 2013. Analizzando i dati raccolti dal Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti d’America (USDA) risulta anche che la superficie agricola utilizzata in media per azienda è aumentata tra il 2017 ed il 2018, attestandosi a 443 acri (179 ha). La superficie agricola media

Più Lette
nell'ultimo mese

Gen Z: i nuovi consumatori dalla tendenza green

La cosiddetta Gen Z, cioè i consumatori di età compresa fra 18 e 24 anni, risulta essere quella attratta maggiormente da tutto quanto è cibo bio o comunque naturale, disponibile in prodotti confezionati e monoporzioni. Questo ancor più della generazione dei Millennial (età 25-39), e comunque senza paragoni rispetto alla fascia di consumatori dai 55 anni in su, età in cui risulta minima la preferenza per il bio od il naturale. Secondo lo studio Eating trends: generational food shopping condotto negli USA, le persone con meno di 40 anni risultano essere le più sensibili a tutto quanto è presentato come cibo salutistico, bio, fresco o comunque naturale. Questo è accentuato se in famiglia ci sono anche dei bimbi piccoli e se il reddito è superiore alla media. Attraente è l’etichettatura che mette in evidenza prodotti senza conservanti, ottenuti da animali al pascolo, alimentati con foraggi naturali, allevati senza antibiotici, senza ingredienti ritenuti negativi e comunque presentati come più gustosi dei prodotti convenzionali. La Gen Z risulta al di sotto della media per i consumi di proteine animali convenzionali, siano esse prodotte da bovini, suini o pesce, mentre dichiara di fare molti spuntini fra i pasti con snacks in monoporzioni, rappresentati

Osare per innovare e competere

L’innovazione è la chiave del successo e della sostenibilità. Con questo principio, PepsiCo ha lanciato il concorso denominato “osare di più” volto a studenti e neolaureati di Regno Unito, Spagna, Francia,Belgio, Olanda, Polonia, Serbia e Turchia per idee di nuovi prodotti, alimenti o bevande, definendone anche il posizionamento di mercato. I candidati che supereranno i vari livelli di selezione, parteciperanno al concorso finale con i candidati degli altri continenti per il premio finale che verrà attribuito a New York nel

Gen Z: i nuovi consumatori dalla tendenza green

La cosiddetta Gen Z, cioè i consumatori di età compresa fra 18 e 24 anni, risulta essere quella attratta maggiormente da tutto quanto è cibo bio o comunque naturale, disponibile in prodotti confezionati e monoporzioni. Questo ancor più della generazione dei Millennial (età 25-39), e comunque senza paragoni rispetto alla fascia di consumatori dai 55 anni in su, età in cui risulta minima la preferenza per il bio od il naturale. Secondo lo studio Eating trends: generational food shopping condotto negli USA, le persone con meno di 40 anni risultano essere le più sensibili a tutto quanto è presentato come cibo salutistico, bio, fresco o comunque naturale. Questo è accentuato se in famiglia ci sono anche dei bimbi piccoli e se il reddito è superiore alla media. Attraente è l’etichettatura che mette in evidenza prodotti senza conservanti, ottenuti da animali al pascolo, alimentati con foraggi naturali, allevati senza antibiotici, senza ingredienti ritenuti negativi e comunque presentati come più gustosi dei prodotti convenzionali. La Gen Z risulta al di sotto della media per i consumi di proteine animali convenzionali, siano esse prodotte da bovini, suini o pesce, mentre dichiara di fare molti spuntini fra i pasti con snacks in monoporzioni, rappresentati

Osare per innovare e competere

L’innovazione è la chiave del successo e della sostenibilità. Con questo principio, PepsiCo ha lanciato il concorso denominato “osare di più” volto a studenti e neolaureati di Regno Unito, Spagna, Francia,Belgio, Olanda, Polonia, Serbia e Turchia per idee di nuovi prodotti, alimenti o bevande, definendone anche il posizionamento di mercato. I candidati che supereranno i vari livelli di selezione, parteciperanno al concorso finale con i candidati degli altri continenti per il premio finale che verrà attribuito a New York nel

Gen Z: i nuovi consumatori dalla tendenza green

La cosiddetta Gen Z, cioè i consumatori di età compresa fra 18 e 24 anni, risulta essere quella attratta maggiormente da tutto quanto è cibo bio o comunque naturale, disponibile in prodotti confezionati e monoporzioni. Questo ancor più della generazione dei Millennial (età 25-39), e comunque senza paragoni rispetto alla fascia di consumatori dai 55 anni in su, età in cui risulta minima la preferenza per il bio od il naturale. Secondo lo studio Eating trends: generational food shopping condotto negli USA, le persone con meno di 40 anni risultano essere le più sensibili a tutto quanto è presentato come cibo salutistico, bio, fresco o comunque naturale. Questo è accentuato se in famiglia ci sono anche dei bimbi piccoli e se il reddito è superiore alla media. Attraente è l’etichettatura che mette in evidenza prodotti senza conservanti, ottenuti da animali al pascolo, alimentati con foraggi naturali, allevati senza antibiotici, senza ingredienti ritenuti negativi e comunque presentati come più gustosi dei prodotti convenzionali. La Gen Z risulta al di sotto della media per i consumi di proteine animali convenzionali, siano esse prodotte da bovini, suini o pesce, mentre dichiara di fare molti spuntini fra i pasti con snacks in monoporzioni, rappresentati

Osare per innovare e competere

L’innovazione è la chiave del successo e della sostenibilità. Con questo principio, PepsiCo ha lanciato il concorso denominato “osare di più” volto a studenti e neolaureati di Regno Unito, Spagna, Francia,Belgio, Olanda, Polonia, Serbia e Turchia per idee di nuovi prodotti, alimenti o bevande, definendone anche il posizionamento di mercato. I candidati che supereranno i vari livelli di selezione, parteciperanno al concorso finale con i candidati degli altri continenti per il premio finale che verrà attribuito a New York nel

Prezzi della SMP in aumento [News Sud America n°2/2020]

Periodo: 6 – 17 Gennaio, 2020 Dopo diverse settimane di siccità, importanti precipitazioni sono state registrate negli Stati centrali e meridionali del Sud America. In generale, queste piogge hanno portato benefici alle piantagioni di mais e soia, migliorando l’umidità del terreno. Tuttavia, il clima umido ha limitato la produzione di latte per condizioni igienico-sanitarie non ottimali in alcuni allevamenti. La produzione di latte e di crema è stagionalmente più bassa a causa delle alte temperature estive. La domanda di questi prodotti è

Prezzi della SMP in aumento [News Sud America n°2/2020]

Periodo: 6 – 17 Gennaio, 2020 Dopo diverse settimane di siccità, importanti precipitazioni sono state registrate negli Stati centrali e meridionali del Sud America. In generale, queste piogge hanno portato benefici alle piantagioni di mais e soia, migliorando l’umidità del terreno. Tuttavia, il clima umido ha limitato la produzione di latte per condizioni igienico-sanitarie non ottimali in alcuni allevamenti. La produzione di latte e di crema è stagionalmente più bassa a causa delle alte temperature estive. La domanda di questi prodotti è