Ultime News

Private label in continua crescita in Europa

In genere, i prodotti a marchio erano collocati ad un livello superiore rispetto a quelli con private label. La situazione è però rapidamente cambiata ed ora è sempre più difficile avere differenze percepibili fra tali due categorie. Secondo le rilevazioni Nielsen, lo scorso anno il mercato delle private label in Europa è cresciuto su 12 dei 19 paesi monitorati, collocandosi in 17 paesi ad una quota del 30% o superiore, col record della Germania dove tale mercato arriva per la prima volta al 45%. In Spagna e Svizzera i prodotti private label rappresentano la metà delle vendite. Anche negli altri mercati dove le private label hanno già una forte penetrazione, come Regno Unito, Belgio e Portogallo, si sono registrati progressi, raggiungendo il 40% di market share, mentre Olanda, Belgio, Svezia,

Private label in continua crescita in Europa

In genere, i prodotti a marchio erano collocati ad un livello superiore rispetto a quelli con private label. La situazione è però rapidamente cambiata ed ora è sempre più difficile avere differenze percepibili fra tali due categorie. Secondo le rilevazioni Nielsen, lo scorso anno il mercato delle private label in Europa è cresciuto su 12 dei 19 paesi monitorati, collocandosi in 17 paesi ad una quota del 30% o superiore, col record della Germania dove tale mercato arriva per la prima volta al 45%. In Spagna e Svizzera i prodotti private label rappresentano la metà delle vendite. Anche negli altri mercati dove le private label hanno già una forte penetrazione, come Regno Unito, Belgio e Portogallo, si sono registrati progressi, raggiungendo il 40% di market share, mentre Olanda, Belgio, Svezia,

Reinventare il latte

Negli ultimi vent’anni il consumo di latte negli USA è diminuito del 25%. Nonostante le consistenti campagne di comunicazione, fattori

Produzione di latte a ritmi sostenuti in Sud America [News Sud America n°13/2018]

Periodo: 25 Giugno – 6 Luglio 2018 La produzione di latte alla stalla rimane sostenuta e in stabile miglioramento in

Diminuiscono i prezzi delle commodity lattiero-casearie [News Oceania n°14/2018]

Periodo: 25 Giugno – 6 Luglio 2018 In Australia l’arrivo del gelo limita la crescita dei raccolti. Guardando al futuro,

Diminuiscono i prezzi delle commodity lattiero-casearie [News Oceania n°14/2018]

Periodo: 25 Giugno – 6 Luglio 2018 In Australia l’arrivo del gelo limita la crescita dei raccolti. Guardando al futuro,

Reinventare il latte

Negli ultimi vent’anni il consumo di latte negli USA è diminuito del 25%. Nonostante le consistenti campagne di comunicazione, fattori

Produzione di latte a ritmi sostenuti in Sud America [News Sud America n°13/2018]

Periodo: 25 Giugno – 6 Luglio 2018 La produzione di latte alla stalla rimane sostenuta e in stabile miglioramento in

Diminuiscono i prezzi delle commodity lattiero-casearie [News Oceania n°14/2018]

Periodo: 25 Giugno – 6 Luglio 2018 In Australia l’arrivo del gelo limita la crescita dei raccolti. Guardando al futuro,

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 
coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Bene l’export di Formaggi Italiani nel primo trimestre 2018

CLAL.it -  Italia: Import/Export di Formaggi e Latticini (Milioni di  euro)Le esportazioni di prodotti lattiero caseari “made in Italy” fra Gennaio e Marzo di quest’anno si muovono in controtendenza rispetto all’Unione Europea. Se, infatti, il trend comunitario ha visto nei primi tre mesi del 2018 un incremento dell’export in quantità (+2,5% su base tendenziale) e una flessione in valore (-0,9%), il settore dairy tricolore evidenzia un andamento diametralmente opposto, con una diminuzione dei quantitativi commercializzati all’estero (-5,6%), ma con una buona prestazione in valore, che addirittura cresce del 4,9% su

Più Lette
nell'ultimo mese

Il valore dei derivati del siero

La completa valorizzazione degli ingredienti del latte si scontra con quelle trasformazioni casearie che portano alla produzione di siero acido, residuo che comunque rappresenta una fonte di proteine, calcio ed altri minerali utili per ottenere prodotti quali bevande, dessert, formaggi fusi. Gli ingredienti derivati dalle trasformazioni del latte possono però trovare un mercato anche in settori diverso da quello caseario. Un esempio è quello dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, che sono state oggetto di ricorrenti problematiche originate da contaminazioni batteriche e chimiche, che hanno causato importanti fluttuazioni sia come disponibilità sul mercato, sia come livello di prezzi. Anche l’influenza aviaria rilevata in Asia ed in America fra il 2013 ed il 2016 aveva comportato una incertezza negli approvvigionamenti. Altro fattore di incertezza per i mercati è il timore della introduzione di dazi per l’importazione di uova in polvere nella UE dal 2019. Risulta dunque interessante il derivato proteico del siero sviluppato da Arla da inserire nelle ricette dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, comportando un notevole risparmio economico. Nel 2018 si stima che, introducendo tale sostituto, si potrà evitare di utilizzare circa 300 milioni di uova, garantendo sicurezza sanitaria e garanzia degli approvvigionamenti

Sostenibilità ed acquisizioni aziendali: scelta vincente

La crescente attenzione posta dai consumatori verso il tema della sostenibilità condiziona anche le strategie di crescita delle imprese. Le acquisizioni di Sweet Earth da parte di Nestlé e WhiteWave Foods da parte di Danone, aziende USA specializzate in prodotti con ingredienti vegetali, ne sono un esempio. Le nuove generazioni, attente a salute, tutela ambientale, temi etici, sospingono verso la presenza sul mercato di prodotti innovativi e sostenibili. Dunque le politiche aziendali, comprese le acquisizioni, non possono non tener conto

Il valore dei derivati del siero

La completa valorizzazione degli ingredienti del latte si scontra con quelle trasformazioni casearie che portano alla produzione di siero acido, residuo che comunque rappresenta una fonte di proteine, calcio ed altri minerali utili per ottenere prodotti quali bevande, dessert, formaggi fusi. Gli ingredienti derivati dalle trasformazioni del latte possono però trovare un mercato anche in settori diverso da quello caseario. Un esempio è quello dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, che sono state oggetto di ricorrenti problematiche originate da contaminazioni batteriche e chimiche, che hanno causato importanti fluttuazioni sia come disponibilità sul mercato, sia come livello di prezzi. Anche l’influenza aviaria rilevata in Asia ed in America fra il 2013 ed il 2016 aveva comportato una incertezza negli approvvigionamenti. Altro fattore di incertezza per i mercati è il timore della introduzione di dazi per l’importazione di uova in polvere nella UE dal 2019. Risulta dunque interessante il derivato proteico del siero sviluppato da Arla da inserire nelle ricette dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, comportando un notevole risparmio economico. Nel 2018 si stima che, introducendo tale sostituto, si potrà evitare di utilizzare circa 300 milioni di uova, garantendo sicurezza sanitaria e garanzia degli approvvigionamenti

Sostenibilità ed acquisizioni aziendali: scelta vincente

La crescente attenzione posta dai consumatori verso il tema della sostenibilità condiziona anche le strategie di crescita delle imprese. Le acquisizioni di Sweet Earth da parte di Nestlé e WhiteWave Foods da parte di Danone, aziende USA specializzate in prodotti con ingredienti vegetali, ne sono un esempio. Le nuove generazioni, attente a salute, tutela ambientale, temi etici, sospingono verso la presenza sul mercato di prodotti innovativi e sostenibili. Dunque le politiche aziendali, comprese le acquisizioni, non possono non tener conto

Il valore dei derivati del siero

La completa valorizzazione degli ingredienti del latte si scontra con quelle trasformazioni casearie che portano alla produzione di siero acido, residuo che comunque rappresenta una fonte di proteine, calcio ed altri minerali utili per ottenere prodotti quali bevande, dessert, formaggi fusi. Gli ingredienti derivati dalle trasformazioni del latte possono però trovare un mercato anche in settori diverso da quello caseario. Un esempio è quello dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, che sono state oggetto di ricorrenti problematiche originate da contaminazioni batteriche e chimiche, che hanno causato importanti fluttuazioni sia come disponibilità sul mercato, sia come livello di prezzi. Anche l’influenza aviaria rilevata in Asia ed in America fra il 2013 ed il 2016 aveva comportato una incertezza negli approvvigionamenti. Altro fattore di incertezza per i mercati è il timore della introduzione di dazi per l’importazione di uova in polvere nella UE dal 2019. Risulta dunque interessante il derivato proteico del siero sviluppato da Arla da inserire nelle ricette dei prodotti da forno in parziale sostituzione delle uova, comportando un notevole risparmio economico. Nel 2018 si stima che, introducendo tale sostituto, si potrà evitare di utilizzare circa 300 milioni di uova, garantendo sicurezza sanitaria e garanzia degli approvvigionamenti

Sostenibilità ed acquisizioni aziendali: scelta vincente

La crescente attenzione posta dai consumatori verso il tema della sostenibilità condiziona anche le strategie di crescita delle imprese. Le acquisizioni di Sweet Earth da parte di Nestlé e WhiteWave Foods da parte di Danone, aziende USA specializzate in prodotti con ingredienti vegetali, ne sono un esempio. Le nuove generazioni, attente a salute, tutela ambientale, temi etici, sospingono verso la presenza sul mercato di prodotti innovativi e sostenibili. Dunque le politiche aziendali, comprese le acquisizioni, non possono non tener conto

Forte domanda di export attesa nella nuova stagione [News Oceania n°13/2018]

Periodo: 11 – 22 Giugno 2018 La produzione di latte in Australia dei primi 11 mesi dell’annata agraria 2017/18 (Lug 2017 – Mag 2018) è stata sempre superiore all’annata 2016/17, registrando un aumento complessivo del 3.7%. Nel mese di Maggio 2018 l’aumento è stato del +6.5% Per la nuova stagione ci si attende una forte domanda dai paesi asiatici, in particolare dalla Cina per SMP e WMP, e dal Giappone per Formaggi e Burro. Le attuali condizioni climatiche sono fonte

Forte domanda di export attesa nella nuova stagione [News Oceania n°13/2018]

Periodo: 11 – 22 Giugno 2018 La produzione di latte in Australia dei primi 11 mesi dell’annata agraria 2017/18 (Lug 2017 – Mag 2018) è stata sempre superiore all’annata 2016/17, registrando un aumento complessivo del 3.7%. Nel mese di Maggio 2018 l’aumento è stato del +6.5% Per la nuova stagione ci si attende una forte domanda dai paesi asiatici, in particolare dalla Cina per SMP e WMP, e dal Giappone per Formaggi e Burro. Le attuali condizioni climatiche sono fonte