Ultime News

La limitata disponibilità di materia grassa sostiene i prezzi dairy [News Oceania n°3/2017]

Periodo: 6 – 17 Febbraio 2016 AUSTRALIA Produzione di latte: la disponibilità di latte è tuttora limitata. Situazione meteo: l’estate è prossima al termine. NUOVA ZELANDA Situazione meteo: nessuna informazione per il periodo di riferimento. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,55% (Lug – Dic 16 vs. Lug – Dic 15) Nuova Zelanda* : -2,97 (Giu – Dic 16 vs. Giu – Dic 15) BURRO (82%): prezzi in leggero aumento. I produttori di burro neozelandesi riescono ad ottenere prezzi superiori, avvantaggiandosi della limitata disponibilità di materia grassa. In Australia il burro è considerato la destinazione del latte più remunerativa, ed i produttori hanno difficoltà a soddisfare i consumi domestici. CHEDDAR CHEESE: prezzi in aumento. I produttori di formaggi ritengono che il cheddar sia ancora uno dei derivati del latte più profittevoli. Domanda relativamente stabile. SMP: prezzi in

La limitata disponibilità di materia grassa sostiene i prezzi dairy [News Oceania n°3/2017]

Periodo: 6 – 17 Febbraio 2016 AUSTRALIA Produzione di latte: la disponibilità di latte è tuttora limitata. Situazione meteo: l’estate è prossima al termine. NUOVA ZELANDA Situazione meteo: nessuna informazione per il periodo di riferimento. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,55% (Lug – Dic 16 vs. Lug – Dic 15) Nuova Zelanda* : -2,97 (Giu – Dic 16 vs. Giu – Dic 15) BURRO (82%): prezzi in leggero aumento. I produttori di burro neozelandesi riescono ad ottenere prezzi superiori, avvantaggiandosi della limitata disponibilità di materia grassa. In Australia il burro è considerato la destinazione del latte più remunerativa, ed i produttori hanno difficoltà a soddisfare i consumi domestici. CHEDDAR CHEESE: prezzi in aumento. I produttori di formaggi ritengono che il cheddar sia ancora uno dei derivati del latte più profittevoli. Domanda relativamente stabile. SMP: prezzi in

Il Canada si prepara al CETA

Se con l’accordo CETA il mercato canadese sarà più aperto alle importazioni di prodotti UE, quali le DOP ed IGP,

Export UE-28: più formaggio e meno polveri sul mercato mondiale nel 2016

VOLUMI: Le esportazioni della UE-28 nel mese di DICEMBRE 2016 confrontate con Dicembre 2015 sono aumentate in volume relativamente a:

Il governo cinese promuove l’uso e l’export di Mais [Mais e Soia - n°2/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il report WASDE di Febbraio 2017, il quale stima per la stagione 2016-17

Il governo cinese promuove l’uso e l’export di Mais [Mais e Soia - n°2/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il report WASDE di Febbraio 2017, il quale stima per la stagione 2016-17

Il Canada si prepara al CETA

Se con l’accordo CETA il mercato canadese sarà più aperto alle importazioni di prodotti UE, quali le DOP ed IGP,

Export UE-28: più formaggio e meno polveri sul mercato mondiale nel 2016

VOLUMI: Le esportazioni della UE-28 nel mese di DICEMBRE 2016 confrontate con Dicembre 2015 sono aumentate in volume relativamente a:

Il governo cinese promuove l’uso e l’export di Mais [Mais e Soia - n°2/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il report WASDE di Febbraio 2017, il quale stima per la stagione 2016-17

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 
coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Alimento Simulato

Composizione dell'Alimento SimulatoCLAL.it ha elaborato un nuovo strumento di studio del costo dell’alimentazione bovina. Alimento Simulato: è un modello teorico di alimento composto per il 70% di mais e per il 30% di farina di estrazione di soia (tenore proteico 44% sul tal quale). La soia è driver del prezzo degli alimenti proteici, mentre il mais è driver del prezzo degli alimenti energetici. Alimento Simulato può essere quindi utilizzato per interpretare l’andamento dei costi alimentari riferibili agli alimenti concentrati, con dati costantemente aggiornati. È interessante confrontare il modello

Più Lette
nell'ultimo mese

La Nuova Zelanda promuove il latte ovino

La Nuova Zelanda vuole aumentare la produzione di latte di pecora per esportarlo nei paesi asiatici come latte intero in polvere ed ingredienti per la gelateria. Di conseguenza il governo neozelandese cofinanzierà un progetto da 31 milioni di Euro per l’apertura di una cinquantina di allevamenti di pecore da latte, in modo da portare il fatturato annuale del settore dagli attuali 5 milioni a 130 milioni di Euro nel 2020 e 460 milioni nel 2030. Il progetto, definito Primary Growth Partnership program (PGP) è finalizzato a soddisfare la crescente domanda che il latte di pecora incontra in Asia e si basa sullo sfruttamento della tecnologia e della rinomanza nella produzione di polveri di latte che caratterizzano l’export neozelandese nel mondo. Responsabile del progetto è la società Spring Sheep Milk Co, controllata al 50% dall’azienda pubblica Landcorp Farming Limited che è la più grande struttura di allevamento con 144 aziende agricole ed oltre 780 mila capi di bestiame per la produzione di latte, carne, agnelli, cacciagione, lana. Il restante 50% della società è posseduto dal gruppo SLC, azienda di punta per la commercializzazione dei prodotti di eccellenza neozelandesi a clienti selezionati nel mondo. L’impulso alla produzione del latte ovino si inquadra

Consegne di latte UE: recupero atteso per la primavera

di Mélanie Richard, Gérard You e Philippe Chotteau, Institut de l’Elevage (France)  I prezzi del latte alla stalla stanno recuperando rapidamente nella maggior parte dei paesi dell’Europa del Nord, più lentamente altrove nella UE. Nel primo semestre del 2017, dovrebbero stimolare la produzione di latte, molto rallentata alla fine del 2016. Le consegne di latte sono diminuite nella maggiore parte dei paesi europei. Molti allevatori con grande difficoltà di liquidità hanno rispettato i loro impegni di ridurre le consegne in cambio del

La Nuova Zelanda promuove il latte ovino

La Nuova Zelanda vuole aumentare la produzione di latte di pecora per esportarlo nei paesi asiatici come latte intero in polvere ed ingredienti per la gelateria. Di conseguenza il governo neozelandese cofinanzierà un progetto da 31 milioni di Euro per l’apertura di una cinquantina di allevamenti di pecore da latte, in modo da portare il fatturato annuale del settore dagli attuali 5 milioni a 130 milioni di Euro nel 2020 e 460 milioni nel 2030. Il progetto, definito Primary Growth Partnership program (PGP) è finalizzato a soddisfare la crescente domanda che il latte di pecora incontra in Asia e si basa sullo sfruttamento della tecnologia e della rinomanza nella produzione di polveri di latte che caratterizzano l’export neozelandese nel mondo. Responsabile del progetto è la società Spring Sheep Milk Co, controllata al 50% dall’azienda pubblica Landcorp Farming Limited che è la più grande struttura di allevamento con 144 aziende agricole ed oltre 780 mila capi di bestiame per la produzione di latte, carne, agnelli, cacciagione, lana. Il restante 50% della società è posseduto dal gruppo SLC, azienda di punta per la commercializzazione dei prodotti di eccellenza neozelandesi a clienti selezionati nel mondo. L’impulso alla produzione del latte ovino si inquadra

Consegne di latte UE: recupero atteso per la primavera

di Mélanie Richard, Gérard You e Philippe Chotteau, Institut de l’Elevage (France)  I prezzi del latte alla stalla stanno recuperando rapidamente nella maggior parte dei paesi dell’Europa del Nord, più lentamente altrove nella UE. Nel primo semestre del 2017, dovrebbero stimolare la produzione di latte, molto rallentata alla fine del 2016. Le consegne di latte sono diminuite nella maggiore parte dei paesi europei. Molti allevatori con grande difficoltà di liquidità hanno rispettato i loro impegni di ridurre le consegne in cambio del

La Nuova Zelanda promuove il latte ovino

La Nuova Zelanda vuole aumentare la produzione di latte di pecora per esportarlo nei paesi asiatici come latte intero in polvere ed ingredienti per la gelateria. Di conseguenza il governo neozelandese cofinanzierà un progetto da 31 milioni di Euro per l’apertura di una cinquantina di allevamenti di pecore da latte, in modo da portare il fatturato annuale del settore dagli attuali 5 milioni a 130 milioni di Euro nel 2020 e 460 milioni nel 2030. Il progetto, definito Primary Growth Partnership program (PGP) è finalizzato a soddisfare la crescente domanda che il latte di pecora incontra in Asia e si basa sullo sfruttamento della tecnologia e della rinomanza nella produzione di polveri di latte che caratterizzano l’export neozelandese nel mondo. Responsabile del progetto è la società Spring Sheep Milk Co, controllata al 50% dall’azienda pubblica Landcorp Farming Limited che è la più grande struttura di allevamento con 144 aziende agricole ed oltre 780 mila capi di bestiame per la produzione di latte, carne, agnelli, cacciagione, lana. Il restante 50% della società è posseduto dal gruppo SLC, azienda di punta per la commercializzazione dei prodotti di eccellenza neozelandesi a clienti selezionati nel mondo. L’impulso alla produzione del latte ovino si inquadra

Consegne di latte UE: recupero atteso per la primavera

di Mélanie Richard, Gérard You e Philippe Chotteau, Institut de l’Elevage (France)  I prezzi del latte alla stalla stanno recuperando rapidamente nella maggior parte dei paesi dell’Europa del Nord, più lentamente altrove nella UE. Nel primo semestre del 2017, dovrebbero stimolare la produzione di latte, molto rallentata alla fine del 2016. Le consegne di latte sono diminuite nella maggiore parte dei paesi europei. Molti allevatori con grande difficoltà di liquidità hanno rispettato i loro impegni di ridurre le consegne in cambio del

Agire per riequilibrare il sistema alimentare

La produzione ed il consumo alimentare sono sempre più all’origine di squilibri nutrizionali ed ambientali, che richiedono un pronto rimedio. Investimenti organici in tal senso saranno una notevole opportunità di business per le aziende che operano lungo tutta la filiera. Per questo un primo gruppo di 25 aziende leader, quali Barilla, Arla, Danone, Nestlé, Unilever, ma anche Google e Rabobank, hanno lanciato un programma per accelerare la trasformazione verso un sistema alimentare a livello mondiale che sia più salutare e

Agire per riequilibrare il sistema alimentare

La produzione ed il consumo alimentare sono sempre più all’origine di squilibri nutrizionali ed ambientali, che richiedono un pronto rimedio. Investimenti organici in tal senso saranno una notevole opportunità di business per le aziende che operano lungo tutta la filiera. Per questo un primo gruppo di 25 aziende leader, quali Barilla, Arla, Danone, Nestlé, Unilever, ma anche Google e Rabobank, hanno lanciato un programma per accelerare la trasformazione verso un sistema alimentare a livello mondiale che sia più salutare e