Ultime News

Prezzi: differenziale senza precedenti tra SMP e WMP in Oceania [News Oceania n°7/2017]

Periodo: 3 – 14 Aprile 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: fino alla fine della stagione produttiva non è attesa una ripresa della produzione. Produttori di latte: il rapporto tra produttori latte ed imprese di trasformazione necessita di altro tempo per stabilizzarsi. NUOVA ZELANDA Produzione di latte: rallentata dalle recenti piogge ed inondazioni causate dal ciclone Debbie. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,39% (Lug 16 – Feb 17 vs. Lug 15 – Feb 16) Nuova Zelanda* : -2,65% (Giu 16 – Feb 17 vs. Giu 15 – Feb 16) BURRO (82%): prezzi in moderata diminuzione, si avvicinano ai prezzi dell’Unione Europea. Domanda interna ancora forte, mentre la produzione è limitata dalla disponibilità di latte. Alcuni produttori di derivati del latte hanno modificato le formulazioni dei propri prodotti per ridurre la necessità di burro. CHEDDAR CHEESE: prezzi in diminuzione,

Prezzi: differenziale senza precedenti tra SMP e WMP in Oceania [News Oceania n°7/2017]

Periodo: 3 – 14 Aprile 2017 AUSTRALIA Produzione di latte: fino alla fine della stagione produttiva non è attesa una ripresa della produzione. Produttori di latte: il rapporto tra produttori latte ed imprese di trasformazione necessita di altro tempo per stabilizzarsi. NUOVA ZELANDA Produzione di latte: rallentata dalle recenti piogge ed inondazioni causate dal ciclone Debbie. PRODUZIONI DI LATTE Australia* : -8,39% (Lug 16 – Feb 17 vs. Lug 15 – Feb 16) Nuova Zelanda* : -2,65% (Giu 16 – Feb 17 vs. Giu 15 – Feb 16) BURRO (82%): prezzi in moderata diminuzione, si avvicinano ai prezzi dell’Unione Europea. Domanda interna ancora forte, mentre la produzione è limitata dalla disponibilità di latte. Alcuni produttori di derivati del latte hanno modificato le formulazioni dei propri prodotti per ridurre la necessità di burro. CHEDDAR CHEESE: prezzi in diminuzione,

UE-28: cresce l’export di formaggi in Giappone e Corea del Sud

L’UE-28 è la principale esportatrice mondiale di formaggi. Nei primi 2 mesi del 2017 i formaggi esportati dall’UE-28 sono aumentati

Amul cresce del 18%

Il giro d’affari della indiana Amul (Gujarat Co-operative Milk Marketing Federation) è cresciuto del 18% nell’ultimo anno fiscale e si

Aumenta la concorrenza per Mais e Soia dal Sud America [Mais e Soia - n°4/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il rapporto WASDE di Aprile 2017, che prevede per la stagione 2016-17 un

Aumenta la concorrenza per Mais e Soia dal Sud America [Mais e Soia - n°4/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il rapporto WASDE di Aprile 2017, che prevede per la stagione 2016-17 un

UE-28: cresce l’export di formaggi in Giappone e Corea del Sud

L’UE-28 è la principale esportatrice mondiale di formaggi. Nei primi 2 mesi del 2017 i formaggi esportati dall’UE-28 sono aumentati

Amul cresce del 18%

Il giro d’affari della indiana Amul (Gujarat Co-operative Milk Marketing Federation) è cresciuto del 18% nell’ultimo anno fiscale e si

Aumenta la concorrenza per Mais e Soia dal Sud America [Mais e Soia - n°4/2017]

Il Dipartimento per l’Agricoltura Statunitense ha divulgato il rapporto WASDE di Aprile 2017, che prevede per la stagione 2016-17 un

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

 
coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

coordinatore

Leo Bertozzi

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Team di CLAL.it

Il team CLAL.it è composto da giovani che, con l'ausilio dell'Informatica, studiano i fenomeni del mercato lattiero-caseario e sviluppano strumenti per offrire agli Operatori del settore una visione complessiva e in tempo reale dell'andamento dei mercati nazionali e internazionali.

Il Grafico

Alimento Simulato

Composizione dell'Alimento SimulatoCLAL.it ha elaborato un nuovo strumento di studio del costo dell’alimentazione bovina. Alimento Simulato: è un modello teorico di alimento composto per il 70% di mais e per il 30% di farina di estrazione di soia (tenore proteico 44% sul tal quale). La soia è driver del prezzo degli alimenti proteici, mentre il mais è driver del prezzo degli alimenti energetici. Alimento Simulato può essere quindi utilizzato per interpretare l’andamento dei costi alimentari riferibili agli alimenti concentrati, con dati costantemente aggiornati. È interessante confrontare il modello

Più Lette
nell'ultimo mese

Lazio: accordo di filiera per sostenere produzione e consumo di latte

È stata ufficializzata la “Filiera Latte del Lazio”, che nasce dall’intesa tra i produttori di latte, le imprese di trasformazione e le organizzazioni professionali agricole, nell’intento comune di valorizzazione del latte fresco e dei relativi prodotti caseari. L’iniziativa si propone di promuovere la qualificazione della filiera regionale del latte prodotto nel Lazio, e la valorizzazione del territorio e delle particolari competenze produttive che caratterizzano questo settore agroalimentare. Vi aderiscono le quattro più importanti imprese trasformatrici del latte laziale (Centrale del Latte di Roma, Fattoria Latte Sano, Ipa Latte di Nepi, Centrale del Latte di Rieti), le principali cooperative di raccolta latte in rappresentanza di circa 450 aziende agricole, le organizzazioni professionali Cia, Coldiretti, Confagricoltura, ed Unindustria Lazio in qualità di soggetto promotore che per primo lo scorso anno ha ipotizzato una risposta di filiera alle criticità del settore, istituendo un apposito gruppo di lavoro. La regione Lazio sostiene l’iniziativa attraverso l’Assessorato Agricoltura. Gli operatori che ad oggi vi aderiscono rappresentano circa il 60% del latte bovino laziale, ossia 180 milioni di litri/anno forniti da 50 mila capi di allevamento. È stata realizzata una campagna promozionale i cui protagonisti sono gli allevatori e le loro vacche, che ne diventano i testimonial

Cina: aumenta l’import in Febbraio 2017 (formaggio +36%, panna +60%)

VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%) Formaggi (+36.4%) SMP (+16.0%) Latte sfuso e conf. (+37.5%) Crema di latte (+59.9%) sono diminuite quelle di: Burro (-15.4%) PREZZI UNITARI: I prezzi unitari delle importazioni della Cina del mese di FEBBRAIO 2017 confrontati con Febbraio 2016 sono aumentati relativamente a: Burro (+31.0%) Polvere di Siero (+24.2%) WMP (+21.5%) SMP

Lazio: accordo di filiera per sostenere produzione e consumo di latte

È stata ufficializzata la “Filiera Latte del Lazio”, che nasce dall’intesa tra i produttori di latte, le imprese di trasformazione e le organizzazioni professionali agricole, nell’intento comune di valorizzazione del latte fresco e dei relativi prodotti caseari. L’iniziativa si propone di promuovere la qualificazione della filiera regionale del latte prodotto nel Lazio, e la valorizzazione del territorio e delle particolari competenze produttive che caratterizzano questo settore agroalimentare. Vi aderiscono le quattro più importanti imprese trasformatrici del latte laziale (Centrale del Latte di Roma, Fattoria Latte Sano, Ipa Latte di Nepi, Centrale del Latte di Rieti), le principali cooperative di raccolta latte in rappresentanza di circa 450 aziende agricole, le organizzazioni professionali Cia, Coldiretti, Confagricoltura, ed Unindustria Lazio in qualità di soggetto promotore che per primo lo scorso anno ha ipotizzato una risposta di filiera alle criticità del settore, istituendo un apposito gruppo di lavoro. La regione Lazio sostiene l’iniziativa attraverso l’Assessorato Agricoltura. Gli operatori che ad oggi vi aderiscono rappresentano circa il 60% del latte bovino laziale, ossia 180 milioni di litri/anno forniti da 50 mila capi di allevamento. È stata realizzata una campagna promozionale i cui protagonisti sono gli allevatori e le loro vacche, che ne diventano i testimonial

Cina: aumenta l’import in Febbraio 2017 (formaggio +36%, panna +60%)

VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%) Formaggi (+36.4%) SMP (+16.0%) Latte sfuso e conf. (+37.5%) Crema di latte (+59.9%) sono diminuite quelle di: Burro (-15.4%) PREZZI UNITARI: I prezzi unitari delle importazioni della Cina del mese di FEBBRAIO 2017 confrontati con Febbraio 2016 sono aumentati relativamente a: Burro (+31.0%) Polvere di Siero (+24.2%) WMP (+21.5%) SMP

Lazio: accordo di filiera per sostenere produzione e consumo di latte

È stata ufficializzata la “Filiera Latte del Lazio”, che nasce dall’intesa tra i produttori di latte, le imprese di trasformazione e le organizzazioni professionali agricole, nell’intento comune di valorizzazione del latte fresco e dei relativi prodotti caseari. L’iniziativa si propone di promuovere la qualificazione della filiera regionale del latte prodotto nel Lazio, e la valorizzazione del territorio e delle particolari competenze produttive che caratterizzano questo settore agroalimentare. Vi aderiscono le quattro più importanti imprese trasformatrici del latte laziale (Centrale del Latte di Roma, Fattoria Latte Sano, Ipa Latte di Nepi, Centrale del Latte di Rieti), le principali cooperative di raccolta latte in rappresentanza di circa 450 aziende agricole, le organizzazioni professionali Cia, Coldiretti, Confagricoltura, ed Unindustria Lazio in qualità di soggetto promotore che per primo lo scorso anno ha ipotizzato una risposta di filiera alle criticità del settore, istituendo un apposito gruppo di lavoro. La regione Lazio sostiene l’iniziativa attraverso l’Assessorato Agricoltura. Gli operatori che ad oggi vi aderiscono rappresentano circa il 60% del latte bovino laziale, ossia 180 milioni di litri/anno forniti da 50 mila capi di allevamento. È stata realizzata una campagna promozionale i cui protagonisti sono gli allevatori e le loro vacche, che ne diventano i testimonial

Cina: aumenta l’import in Febbraio 2017 (formaggio +36%, panna +60%)

VOLUMI: Le importazioni della Cina nel mese di FEBBRAIO 2017 confrontate con Febbraio 2016 sono aumentate in volume relativamente a: Polvere di Siero (+63.0%) WMP (+50.8%) Latte per l’infanzia (+38.4%) Formaggi (+36.4%) SMP (+16.0%) Latte sfuso e conf. (+37.5%) Crema di latte (+59.9%) sono diminuite quelle di: Burro (-15.4%) PREZZI UNITARI: I prezzi unitari delle importazioni della Cina del mese di FEBBRAIO 2017 confrontati con Febbraio 2016 sono aumentati relativamente a: Burro (+31.0%) Polvere di Siero (+24.2%) WMP (+21.5%) SMP

Bio e sostenibilità

La richiesta di prodotti biologici è in continua crescita in Europa così come negli USA, ed i consumatori fanno sempre più riferimento alla evidenziazione in etichetta del bio o del prodotto più generalmente sostenibile cioè rispettoso dell’ambiente e di pratiche eco-friendly. Data l’attenzione verso i temi della salute, sicurezza alimentare, benessere animale e dell’ambiente, tale tendenza non può che continuare a crescere, almeno nei mercati maturi e, secondo Rabobank, i consumi del Bio aumenteranno del 6-8% all’anno, il che equivale

Bio e sostenibilità

La richiesta di prodotti biologici è in continua crescita in Europa così come negli USA, ed i consumatori fanno sempre più riferimento alla evidenziazione in etichetta del bio o del prodotto più generalmente sostenibile cioè rispettoso dell’ambiente e di pratiche eco-friendly. Data l’attenzione verso i temi della salute, sicurezza alimentare, benessere animale e dell’ambiente, tale tendenza non può che continuare a crescere, almeno nei mercati maturi e, secondo Rabobank, i consumi del Bio aumenteranno del 6-8% all’anno, il che equivale