Una piattaforma futures anche in Europa

In vista dell’abolizione del regime delle quote latte, il gruppo finanziario Euronext, fondato nel 2000, che comprende le borse di Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Lisbona e l’indice LIFFE a Londra, lancerà in primavera una serie di futures e options specifici per il settore lattiero-caseario. L’obiettivo è di fornire nuovi strumenti finanziari ed indici di mercato per rispondere all’evoluzione nelle contrattazioni e per contrastare la crescente volatilità.

Regolarmente utilizzati negli USA come strumenti finanziari negoziati in borsa per il mercato del dairy, la diffusione di futures e options nella UE è stata finora limitata dai ridotti volumi scambiati. I nuovi contratti a termine riguarderanno burro, polvere di latte scremato, polvere di siero. Saranno valutati in Euro e collegati a prodotti disponibili presso magazzini situati in un raggio di 150 km dai porti di Rotterdam, Amburgo ed Anversa.

In generale, il sistema finanziario ritiene che il mercato delle commodities abbia notevoli potenziali di sviluppo per le società di contrattazione. Dal 2007, Euronext e la statunitense NYSE operano a livello transatlantico collaborando con Intercontinental Exchange, società attiva nei mercati futures di energia e commodities basati su internet. Euronext ha recentemente lanciato contrattazioni per olio di colza e farine per rispondere alla crescente domanda di materie prime per alimentazione, allevamento ed energia.

In prospettiva c’é anche l’obiettivo di creare un prezzo di riferimento (benchmark) europeo, a fronte di quello derivante dalla piattaforma di vendite all’asta GDT di Fonterra attivo dal 2008. Peraltro, in Nuova Zelanda verrà prossimamente attivato un mercato di contratti futures per il burro.

Anche nel latte si sviluppa il rapporto con la finanza: sarà evoluzione o nuova dipendenza? 

 Fonte: Reuters

TwitterLinkedInFacebook... condividi
Leo Bertozzi
Informazioni su

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Taggato con:
Pubblicato in Nuova Zelanda, options, UE

Lascia un Commento