Giappone: esporta chi innova

Come l’Italia, il Giappone ha un forte deficit lattiero: 11,4 milioni di tonnellate di latte gli utilizzi, 7,7 milioni di ton. la produzione, concentrata soprattutto nell’ isola settentrionale di Hokkaido. Circa il 53% è consumato come latte liquido, mentre il restante 47% è trasformato in diversi prodotti caseari, polveri ed ingredienti inclusi.

La Meiji Holdings, un gruppo attivo nella produzione e vendita di prodotti lattiero caseari freschi, latte in polvere e condensato, burro, formaggi, ma anche prodotti funzionali nonché prodotti farmaceutici attraverso le due filiali Meiji Co. e Meiji Seika Pharma Co., per prima al mondo ha prodotto latte infantile in forma di tavoletta in porzioni predefinite, facilmente solubili in acqua. Il prodotto, Hohoemi Raku Raku Cube, ha acquisito il 25% di quota di mercato in Giappone e sarà prossimamente lanciato sui promettenti mercati asiatici. E’ ottenuto attraverso un processo tecnologico di formatura, umidificazione, essiccamento e compressione senza nessun additivo, che porta ad ottenere cubi di 27 grammi con una consistenza esterna leggermente maggiore rispetto alla parte interna. Meiji ne detiene il brevetto internazionale, che potrebbe anche essere ceduto in licenza a produttori di latti infantili  in Europa o negli USA dove l’azienda non è presente.

Questo prodotto innovativo, é un esempio degli sforzi dell’azienda per anticipare i bisogni dei consumatori. Rappresenta una storia di successo, perché grazie alla tavoletta di latte infantile in polvere, Meiji è diventata leader di mercato in Giappone col 45% di quota.

A differenza dell’Italia, il Giappone non vanta una tradizione produttiva casearia. Ciò nondimeno riesce ad esportare con crescente successo sui mercati internazionali. Altro  esempio, Yakult;  dice qualcosa?

TwitterLinkedInFacebook... condividi
Leo Bertozzi
Informazioni su

Agronomo, esperto nella gestione delle produzioni agroalimentari di qualità e nella cultura lattiero-casearia.

Taggato con:
Pubblicato in Giappone, Infant formula, Senza categoria

Lascia un Commento